Coldiretti: Voucher, nei campi lombardi meno dell’1%

Alla vigilia dell’inizio in grande stile della raccolta di frutta e verdura è SOS nelle campagne dove servono alternative ai voucher per garantire i raccolti e non perdere opportunità di lavoro per migliaia di giovani studenti, pensionati e cassa integrati impiegati in agricoltura nell’attività stagionale. In Lombardia l’anno scorso per il settore agricolo sono stati staccati circa 150mila voucher contro un totale regionale di tutti i comparti per quasi 27 milioni.

A livello nazionale – spiega la Coldiretti – in agricoltura sono stati venduti nel 2016 solo 2.210.440 voucher, addirittura in calo rispetto al 2015 e più o meno gli stessi del 2012, per un totale di oltre 380mila giornate di lavoro che hanno aiutato ad avvicinare al mondo dell’agricoltura giovani studenti e a mantenere attivi molti anziani pensionati nelle campagne senza gli abusi che si sono verificati in altri settori.

I voucher usati fino all’anno scorso nei campi lombardi erano meno dell’1% del totale e servivano nelle attività stagionali con precise categorie di persone – afferma Alessandro Rota, presidente della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza e Brianza –. Adesso che sono stati aboliti è necessario individuare una valida alternativa che possa rispondere alle esigenze delle imprese e dei lavoratori per non perdere opportunità occupazionali.

Annunci