Ponti sul Mincio (MN)/ A fine luglio, Laboratorio Teatrale tragicomico “Berkoff” condotto da Marisa Miritello

 

27 luglio – 30 luglio

Bio Agriturismo Vojon – Via Del Forte 6, 46040 – Ponti sul Mincio (MN)

Il Teatro dell’Allodola organizza un laboratorio condotto da Marisa Miritello.

Marisa condurrà alla scoperta delle parole irriverenti e beffarde di Berkoff, invitando a rompere la quarta parete, per dialogare direttamente con il pubblico, analizzare le situazioni comiche, le battute, il ritmo, in un continuo e divertente gioco del dentro-fuori la scena.

Per info e costi: seminario.miritello@gmail.com cell. 335-7253446
Verrete tempestivamente ricontattati.

Marisa Miritello: Attrice, insegnante di teatro, counselor teatrale.
Frequenta la scuola di arte drammatica Piccolo Teatro di Milano, diplomandosi al corso di specializzazione in Mimo e Commedia dell’arte. Nel 2008 consegue il diploma in Counseling somato-relazionale c/o IPSO di Milano diretto dal dott. L. Marchino. Dal 2013 è responsabile didattica della scuola di formazione in Teatro-counseling Teatri Possibili.
Lavora, tra gli altri, con D. Fo (La storia di un soldato), G. Salvatores (Hellzapoppin), V. Mantegazza (Quello Stolfo da Ferrara), M. Scaparro (La vera storia), G. Pressburger (Atem), Bob Wilson (Doctor Faust), A. R. Shammah Teatro Franco Parenti (La Locandiera. Io, l’erede. Acqua Minerale.)
Nel frattempo, scoprendo una vena comica, scrive e interpreta monologhi di cabaret. Con “Mi sono distratta un attimo e non mi trovo più”di cui è autrice e interprete, è finalista al concorso per nuovi attori comici “La Zanzara d’Oro”, seconda al Concorso per monologhisti “Il Sarchiapone” dedicato a W. Chiari, e vince il premio Linus al Concorso nazionale “ Cabaret Amore Mio”. Seguiranno “Grosso Sconcerto”, “Toglietemi di dosso” (scritto insieme a P. Migone), “Radio70” (scritto con L. Vasini).
Nel 2007 insieme a Egidia Bruno scrive e interpreta lo spettacolo “Antigone 2000d.C. ‘Na tragggedia!!”
Nel 2010 è autrice e interprete del monologo tragicomico “Sta per arrivare la rivoluzione e non ho niente da mettermi”.
Dal 2016 fa parte della compagnia teatro dell’Allodola con cui a gennaio 2017 debutta a Milano, presso Teatro Libero, con la commedia “Atra bile” di Laila Repol regia di T. Bergamaschi.

Attraverso il testo di Steven Berkoff, Kvetch (Piagnistei), scopriremo e analizzeremo le dinamiche e i meccanismi che rendono un personaggio e/o una situazione comica piuttosto che drammatica.
Un’occasione per scoprire la propria “vis comica”, quell’unica originalità e forza partendo da alcune proprie note caratteriali.

Kvetch, ovvero Piagnistei, lamentele dell’anima, pensieri intimi che prendono forma e, a volte, esprimono esattamente il contrario di quello che viene detto, in un gioco all’ipocrisia che Steven Berkoff vede soprattutto all’interno della famiglia e che esalta attraverso un scrittura corrosiva, beffarda, dissacrante, spesso esilarante con una vena tragica di sottofondo.
Il testo è considerato uno dei capolavori tragicomici contemporanei: per le situazioni che si vengono a creare, per i personaggi, per la scrittura che porta i protagonisti a un continuo passaggio dalla scena teatrale a una dimensione da rottura della quarta parete, attraverso l’esternazione al pubblico dei propri pensieri più intimi.
Attraverso il lavoro su alcuni monologhi tratti dall’opera teatrale, verranno studiati i meccanismi comici insiti nel testo e del personaggio. Peculiarità della scrittura di Berkoff, in particolar modo in questo testo, è lo spaziare da una forma dialogante teatrale, quindi da quarta parete, a una monologante più prettamente ‘cabarettistica’ nell’accezione più alta del termine. Rottura quindi della quarta parete per ‘dialogare’ direttamente con il pubblico. In questo senso l’attore deve cimentarsi in uno spassoso gioco del dentro-fuori la scena.
Obiettivo del seminario sarà quindi lo studio delle situazioni comiche, dal ritmo alle ‘battute’ (si spazierà dalla barzelletta al gramelot), e del ‘personaggio’ (rigorosamente scelto nell’ambito dei cinque protagonisti della pièce teatrale), dalla gestualità all’intenzione, dal pensiero alla pausa.
.
Si consiglia la lettura integrale del testo, che verrà inviato via mail agli iscritti al seminario, con relativa scelta di un pezzo, possibilmente imparato a memoria.

Indispensabile un abbigliamento comodo per il training.
E’ consigliabile portare indumenti (vestiti scarpe cappelli etc.) per la messa scena del monologo.

Evento Facebook:

https://www.facebook.com/events/654765034718977

Annunci