Scoprire le città d’arte lungo la via francigena

news luglio 01In questo luglio 2017 il “Circuito città d’arte della Pianura Padana” porta alla scoperta della Via Francigena, l’antico cammino di fede che oggi si propone anche come itinerario turistico. La Via Francigena nasce secoli fa, durante il regno di Carlo Magno, come strada dei pellegrini che dal nord dell’Europa si muovevano verso Roma per visitare la tomba dell’apostolo Pietro. Il cammino inizia a Canterbury, in Inghilterra, attraversa Francia e Svizzera e si conclude in Italia: qui, dal Gran San Bernardo fino a Roma, si snoda un percorso di 1.200 chilometri, che si può intraprendere a piedi o in bicicletta, per immergersi nella natura e nella storia. Le città d’arte della Pianura Padana accolgono ogni anno i numerosi viandanti che per i più diversi motivi – fede, sport, turismo – decidono di avventurarsi tra pianure, colli e montagne. Sei tappe della Via si trovano tra Pavia, Lodi, Piacenza e Parma: ecco le meraviglie che si incontrano durante il cammino.

news luglio 02Dopo aver valicato le Alpi e superato Vercelli, si entra nel territorio pavese: qui cascine, risaie, argini dei fiumi sono il paesaggio tipico della pianura padana. Si passa per le città di Robbio e Mortara che meritano una sosta per poter visitare la chiesa di san Pietro, a Robbio, come esempio di romanico lombardo e il monastero di Sant’Albino, a Mortara, per le iscrizioni lasciate dai pellegrini medievali. La tappa successiva, da Mortara a Pavia, apre le porte dell’antico regno Longobardo: si entra infatti in un territorio strategico, a metà strada tra il mare e le montagne. Lomello era talmente importante che nel 590 la regina Teodolinda sposò qui il duca di Torino, Agilulfo, rendendolo così re dei Longobardi. In questo tratto il turista e il fedele troveranno il Santuario della Madonna della Bozzola, a Garlasco, da visitare prima di addentrarsi nel Parco del Ticino ed entrare a Pavia dal celebre Ponte Coperto. Si accede subito al centro storico dove le chiese di San Teodoro, San Michele Maggiore e il Duomo sono le tre mete da non perdere, per il fedele e per il turista. Da mettere in conto anche una pausa per assaggiare le specialità locali: salumi d’oca e una fetta della torta Paradiso.

Dopo la sosta a Pavia si punta verso Orio Litta: il paesaggio qui è frutto del lavoro di bonifica durato secoli, è una pianura strappata ai fiumi e alle acque stagnanti. Ville e castelli punteggiano il tragitto, segni dei casati che si sono succeduti nei secoli: a Belgioioso il Castello è sede di eventi e manifestazioni durante tutto l’anno mentre a Chignolo Po il Castello Cusani, essendo una dimora privata, organizza per i turisti visite guidate. Infine, a Orio Litta, la maestosa Villa Litta Carini è aperta come museo, oltre a essere sede di eventi privati. Nella tappa da Orio Litta a Fiorenzuola d’Arda, i viaggiatori hanno un’alternativa: il traghetto o la strada. Si può seguire il percorso narrato da Sigerico, il vescovo che per primo raccontò la via Francigena tra il 990 e il 994, e utilizzare il Transitum Padi in località Corte Sant’Andrea oppure costeggiare il grande fiume lungo i paesi di Guzzafame e Valloria. Giunti a Piacenza una sosta è d’obbligo, per visitare la città o almeno i suoi luoghi storici più famosi: Palazzo Farnese, che ospita i Musei Civici e il Duomo. Da provare una delle molte trattorie che offrono piatti della tradizione: pisarei e fasö, nella stagione fredda e il tris di salumi DOP – pancetta, salame e coppa – per ogni temperatura. Si prosegue verso l’abbazia di Chiaravalle della Colomba. Vuole la leggenda che i confini del monastero fossero indicati da una colomba che, in volo, fece cadere della paglia a delimitare il perimetro della costruzione.

Si lascia la pianura piacentina per avvicinarsi ai primi rilievi parmensi: a Fidenza il passaggio dei pellegrini lungo la Via Francigena è ricordato con un bassorilievo sul Duomo: Benedetto Antelami ha rappresentato una fila ordinata di fedeli in marcia verso Roma, chi a piedi e chi a cavallo, a indicare la varietà delle classi sociali. A Fornovo di Taro, nella chiesa di Santa Maria Assunta, il passaggio dei pellegrino è ricordato da una statua posizionata in una nicchia della chiesa romanica: un viandante con una cesta sulle spalle, che doveva indicare ai passanti che si trovavano sulla strada giusta per la Città Santa.

Da Fornovo a Berceto il percorso è impegnativo sia per chi cammina che per chi pedala: ci si trova ormai sull’Appennino tosco-emiliano, sulla strada del Passo della Cisa. Una pausa del cammino si potrà fare a Pieve di Bordone, la cui chiesa risale al VII secolo. Da vedere la Deposizione della Croce, analoga a quella del Duomo di Parma. A Berceto, Duomo e Museo di San Moderanno offrono testimonianze della liturgia ecclesiastica di vari periodi storici. Le città d’arte della pianura padana si congedano qui dai pellegrini, prima dell’ingresso in Toscana.

COSA SUCCEDE

Brescia

Dal 9 al 21 agosto, apertura gratuita di tutti i musei civici: Museo di Santa Giulia, Brixia – Parco archeologico di Brescia romana, Museo delle Armi Luigi Marzoli

Un’occasione imperdibile per vivere liberamente lo straordinario patrimonio culturale della città di Brescia. Nello stesso periodo sarà attiva la promozione 2X1 per le mostre di Brescia Photo Festival, ovvero acquistando un biglietto intero si avrà automaticamente diritto ad averne uno in omaggio. Un’occasione imperdibile per vivere liberamente lo straordinario patrimonio culturale della città di Brescia.

Cremona

Il 4 agosto, Canzoni da Camera – Acqua e Sapone

Acqua & Sapone è il film di Verdone il cui tema musicale porta la firma di Gaetano Curreri, protagonista del concerto “Canzoni da camera” con l’accompagnamento degli archi del Solis String Quartet. Omaggi che vanno dai Beatles a Lucio Dalla e poi Stadio, Vasco Rossi, Patty Pravo, Irene Grandi e altri ancora.

http://www.festivalacquedotte.it/it/content/canzoni-da-camera-acqua-e-sapone

Dall’1 al 18 agosto. Cremona Summer festival, 8a edizione (più sedi in città)

Circa 1.000 tra studenti, accompagnatori e insegnanti di strumenti ad arco, di pianoforte e di strumenti a fiato, arriveranno in città per suonare nella terra di Stradivari, arrivando dalle nazioni di tutto mondo.

https://www.facebook.com/CremonaMusicFestival

Il 26 agosto alle 18, SGUARDO CONCORDE a Casa Stradivari

Protagonista sarà Daniele Richiedei, il quale per l’occasione proporrà improvvisazioni per solo violino ispirate alla musica folk del Nord Europa. Un viaggio che, partendo dalla tradizione delle Alpi Italiane, porterà fino alla Scandinavia, passando per la Francia, l’Irlanda e la Galizia.

https://www.comune.cremona.it/node/471502

Modena

Luglio – agosto, in Centro Storico, l’Estate Modenese

Le serate si animeranno con performance teatrali, di strada e di cabaret, concerti, incontri a tema, mostre, spettacoli di danza e ballo, burattini, fiabe animate e iniziative rivolte ai bambini.

http://www.visitmodena.it/it/news/estate-modenese

26 – 27 agosto 2017, L’antico in Piazza Grande

Fiera antiquaria in cui esporranno antiquari ambulanti, artigiani restauratori e commercianti di antiquariato.

http://www.mercatoantiquariomodena.it

Fino al 20 agosto 2017, a Palazzina dei Giardini, Gianluigi Toccafondo

Toccafondo (1965), artista e illustratore insignito di numerosi riconoscimenti sia in Italia che all’estero anche per la produzione di cortometraggi, si confronta con gli spazi suggestivi della palazzina collocata all’interno dei Giardini Ducali, che durante l’estate sarà aperta in orario serale.

www.galleriacivicadimodena.it

Monza

Tutti i sabati, dal 22 luglio al 26 agosto, dalle 21 alle 24, Non solo Clown – Rassegna Internazionale di artisti di strada in piazza Trento e Trieste

Giunge alla decima edizione la Rassegna Internazionale di artisti di strada “Non solo clown”. Clown, giocolieri, musicisti e mangiafuoco si alterneranno per garantire intrattenimento e divertimento alle serate estive. Partecipazione libera.

http://www.turismo.monza.it

Fino al 3 settembre, “Mosè Bianchi. Ritorno a Monza” – Musei Civici di Monza – Casa degli Umiliati

Continua la mostra dedicata al grande pittore monzese. Non perdete l’occasione di immergervi nelle sue suggestive opere. Aperto anche a ferragosto.

http://www.museicivicimonza.it

Piacenza

25 e 26 agosto, Il Po ricorda

Torna la rassegna che si tiene sul lungo Po che propone performance teatrali e artistiche, concerti di musica classica e pop, rievocazioni storiche, gite in battello, laboratori per adulti e bambini e degustazioni a tema.

http://www.artiepensieri.com/eventi/

Reggio Emilia

10 e 15 agosto 2017, Mundus in piazza Fontanesi

Rassegna di musica etnica e folk. 10 agosto: Yellow Squeeds (Italia) – Francesco Diodati chitarre, Enrico Zanisi pianoforte, Francesco Lento tromba, Glauco Bendetti bassotuba, Enrico Morello batteria; 15 agosto: Beatles e Rolling Stones (Italia) – Danilo Rea pianoforte, Ares Tavolazzi contrabbasso, Ellade Bandini batteria.

www.festivalmundus.it

Fino al 24 agosto 2017, Stage Internazionale di Commedia dell’Arte a Teatro Cavallerizza – viale Allegri, 8/a

Canovacci aperti al pubblico (1-3, 7-10, 14-17 agosto) e spettacoli teatrali (3 e 10 e 24 agosto).

www.commediabyfava.it

Annunci