CELLS: la sanità del futuro alla Statale di Milano per il Fuorisalone 2018

01Un’installazione scenografica e suggestiva, progettata dall’architetto Filippo Taidelli, mette in scena il rapporto tra tecnologia, salute e umanesimo là dove sorse il più antico ospedale milanese, la Ca’ Granda. All’interno dell’antico Cortile dei Bagni, Taidelli (studio FTA) mette in scena una visione del futuro nel rapporto tra uomo, architettura, tecnologia, natura nell’ospedale di domani. CELLS sarà alla Statale di Milano dal 16 al 28 aprile, nell’ambito dell’evento INTERNI HOUSE IN MOTION 2018 – 20 YEARS. L’opera vuole sintetizzare metaforicamente gli effetti dell’evoluzione del mondo sanitario e renderli percepibili attraverso un’installazione che immerge lo spettatore in un’esperienza sensoriale. Nasce dall’esperienza che l’architetto Taidelli ha sviluppato nella progettazione di strutture socio-sanitarie e dalla ricerca condotta attraverso il confronto dialettico con il professor Raffaello Furlan (Humanitas University) e il dottor Michele Gatti di IBM Italy, Research & Business. L’etimologia del termine CELLS ha un doppio significato: per la biologia la cellula è l’unità morfologica e funzionale di tutti gli organismi viventi, mentre in ambito architettonico il termine latino cella richiama una piccola stanza. L’installazione si compone infatti di due cellule di vetro, dalle uguali dimensioni, ma caratteristiche formali antitetiche, che instaurano un dialogo visivo collocandosi agli angoli opposti del Cortile dei Bagni. Rappresentano le due anime complementari e apparentemente antitetiche della sanità del futuro: da un lato l’attenzione dell’interior design a rendere “domestico” lo spazio ospedaliero, dall’altro “la sanità virtuale”, la ridefinizione dell’interfaccia uomo macchina e la conseguente “deospitalizzazione”.

02La prima cellula, trasparente ed estroversa, è pensata per amplificare il rapporto con l’ambiente come elemento terapeutico; la seconda, introversa e riflettente, proietta il visitatore nel mondo “virtuale”: in un’atmosfera fantascientifica evocata da una finestra artificiale, in grado di riprodurre l’effetto della luce naturale del sole, anche di notte. All’interno delle cellule si stagliano due “schegge” monolitiche di grés effetto pietra che come delle quinte sceniche offrono punti di vista per la contemplazione del contesto in un caso e della luce naturale creata artificialmente nell’altro. L’esperienza visiva viene amplificata da un’installazione sonora e olfattiva. Nella cellula virtuale un dialogo tra un avatar e un umano e un profumo di incenso rimandano a un luogo di meditazione futuristica. Nell’altra, l’odore pungente della macchia mediterranea e il richiamo sonoro ad ambienti domestici rimandano alla vita all’aperto, al paesaggio e alla terra.

CELLS | INTERNI HOUSE IN MOTION 2018 – 20 YEARS

project by Filippo Taidelli

con Universal Selecta, Casalgrande Padana, Coelux, Platek, Rossi Bianchi lighting design, sound designer Nicola Ratti

special thanks to Humanitas University

Università degli Studi di Milano, Via Festa del Perdono 7
Dal 16 al 28 aprile 2018

16 aprile 2018 dalle ore 14.30
17 – 22 aprile: dalle 10.00 alle 24.00
23 – 27 aprile: dalle 10.00 alle 22.00
28 aprile: dalle 10.00 alle 18.00

Annunci


Categorie:Architettura e Design, Attualità, Manifestazioni, Milano, Mostre

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: