Rho (MI) / Teatro: “Carlotta” sabato 16 giugno 2018 al Centro Civico di Lucernate

CarlottaAssicurarsi ai Sedili 2018 è la undicesima edizione della rassegna teatrale rhodense delle compagnie professionali ed amatoriali, dei gruppi scolastici, delle scuole teatrali, delle associazioni e dei centri per disabili e psichiatrici (per informazioni: http://www.assicurarsiaisedili.it).

Presentato dalla Youmani Onlus (http://www.youmani.org), sabato 16 giugno 2018 alle 21 va in scena al Centro Civico di Lucernate in via Giulio Cesare 36 a Rho (MI) lo spettacolo “Carlotta”, di e con Cristina Caridi. La regia è della stessa Cristina Caridi con aiuto regia di Rossella Visconti. Tecnici: Michele Celentano e Fulvio Moro. Video di Francesco Gori, fotografia di Alberto Bianchi, visual di Erika Fabiano.

Sinossi:

Carlotta, una donna come tante che si sente fuori posto. Un giorno, seduta per terra nella sua stanza fa una scoperta che la porta a mettersi in discussione e dal chiuso di quella stanza si confessa: immagina di parlare a un’amica, a se stessa, alla famiglia e chissà magari a tutti quelli che ha incontrato nella sua vita. Dalle pareti della sua stanza, dai suoi dubbi, dalle delusioni e dai rimpianti trova la forza per riprovarci ancora a uscire e continuare a rischiare.

Cristina CaridiNote di regia di Cristina Caridi:

Avevo nel cassetto un racconto che nascondevo da diversi anni, “vomitato fuori” una decina di anni fa per esorcizzare un dolore (si inizia sempre così, no?). Nel 2015 mi è ricapitato tra le mani rassettando casa e mi accorgo che tagliando il superfluo ne sarebbe venuto fuori un monologo teatrale. Ed ecco che Carlotta prende forma e si racconta. Parte tutto da quel dolore che io e Carlotta condividiamo, anche se lo abbiamo vissuto in maniera diversa (lei è più forte di me!). Il dolore per un amore respinto, con relativo progetto sfumato, aggiunto al ricordo della sua infanzia e di alcuni fatti che l’hanno formata nel suo viaggio di donna, portano Carlotta a prendere coscienza di sé e di ciò che la circonda. Carlotta si muove nella sua stanza, una stanza privata che può essere la cameretta di ragazza dove poi torna quando ha bisogno di un rifugio, oppure può rappresentare il monolocale di donna indipendente (in realtà, donna che cerca di raggiungerla quell’indipendenza…); lascio al pubblico la libertà di immaginare quello spazio, ma ho voluto comunque trasmettere il senso di intimità e sicurezza attraverso l’allestimento che ha qualche piccolo indizio metaforico. Lì la protagonista è libera di pensare, parlare ad alta voce con se stessa, scontrarsi con la sua coscienza (impersonificata da una maschera) che la osserva e sta pronta a spronarla, magari a provocarla, ma soprattutto è lì per proteggerla. Grazie all’aiuto della sua maschera interiore Carlotta ritrova la forza per continuare il suo viaggio, libera dai fardelli che l’avevano imprigionata e le avevano tolto la voglia di restare fedele a se stessa. Quanto c’è di autobiografico in Carlotta? Direi la parte a sinistra.

Prenotazioni:

telefonare a 338-6898292 / e-mail a info@youmani.org

Annunci


Categorie:Rho, Teatro

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: